Cita


"No podem canviar les cartes que ens han repartit, però encara hem de jugar la partida."

Randy Paush



dissabte, 9 de febrer de 2008

Ópera “El Barbero de Sevilla” de Rossini

Ópera “El Barbero de Sevilla” de Rossini





El Conde d’Almaviva està enamorat de Rosina, pupil.la d’un metge que es diu Bartolo, però es fa pasar per un estudiant sense diners per comprovar que l’amor que sent la seva estimada per ell és vertader.


De sobte apareix en escena Fígaro, barber de de professió, perruquer, cirurgià, farmacèutic, botiguer… i a la fi, moltes coses més. Aquest és amic d’Almaviva, i li ajudarà en les seves aventures i desventures amb Rosina per a Enganyar a Bartolo i poder estar amb ella.



“La ran la lera, la ran la la. La ran la lera, la ran la la…
Largo al factorum della città, largo! La ran la la, la ran la, la ran la, la!
Presto a bottega che l’alba è già, presto! La ran la, la ran la, la ran la, la.
Ah che bel vivere, che bel piacere, per un Barbieri di qualità, di qualità!
Ah, bravo, Figaro, bravo, bravissimo; bravo! La ran la, la ran la, la ran la, la.
Fortunatissimo per verità! La ran la, la ran la, la ran la, la.
Pronto a far tutto, la notte, il giorno sempre d’intorno in firo sta.
Miglior cuccagna per un barbiere, vita più nobile, no, non si dà. La, la ran la, la ran la, la ran la.
Rasori e pettini, lancette e forbici, al mio comando tutto qui sta.
V’è la risorsa por del mestiere colla donetta, col cavaliere.
Ah che bel vivere, che bel piacere, che bel piacere, per un barbiere di qualità, di qualità.

Tutti mi chiedono, tutti mi vogliono, donne, ragazzi, vecchi, fanciulle. Qua la parruca…. Presto la barba… Qua la sanguina, presto il biglietto!
Figaro, Figaro, Figaro, Figaro!
Ahimè!, ahimè! Che furia!
Ahimé!
Che folla!
Uno alla volta, pèr carità!
Figaro! Son qua
Ehi Figaro! Son qua.
Figaro qua, Figaro là,
Figaro qua, Figaro là,
Figaro su, Figaro giù,
Figaro su, Figaro giù!
Pronto prontissimo son come il fulmine,
Sono il factorum della città, della città!
Ah, bravo Figaro, bravo, bravissimo!
A te fortuna, a te fortuna non mancherà. La, la ran la, la ran la, la ran.
A te fortuna, a te fortuna, a te fortuna non mancherà!
Sono il factorum della città!”